Area Clienti

Inserire le proprie credenziali per accedere all'area clienti

Password dimenticata?

Nessun problema 😀.
Inserisci l'indirizzo email che hai utilizzato al momento della prenotazione e ti invieremo le istruzioni per reimpostare la password.





Azerbaijan Classico
Partenze 2021/2022

€ 399 Voli: ESCLUSI (a cura del cliente)
Calcola il Preventivo!
Modifica Data

Luogo di inizio tour: Baku (Azerbaijan)
Luogo di fine tour: Baku (Azerbaijan)

1° giorno: Italia / Baku
Partenza dall’Italia (Voli a cura del cliente. Non inclusi nella quota). Arrivo all'aeroporto di Baku in tarda serata o già prime ore del giorno dopo. Trasferimento in hotel. Pernottamento.

2° giorno: Baku, visita della città vecchia, patrimonio Unesco
Prima colazione in hotel. Al mattino incontro con la guida e visita panoramica della città a piedi. Si visiterà la città medievale fortificata, lcheri Sheher, con i suoi stretti vicoli, i caravanserragli storici, le moschee e il Palazzo degli Shirvan Shah. Il Palazzo è il più importante monumento del ramo Shirvan-Absheron dell'architettura dell'Azerbaigian. Il complesso raggruppa i più importanti edifici del palazzo: il Divanhane, la tomba a volta, una moschea con minareto, il mausoleo di Seyid Yahya Bakuvi, la porta di Murad, una cisterna ed i resti delle terme. Il Palazzo Shirvanshahs è un edificio a due piani di forma rettangolare irregolare. Al fine di fornire una migliore illuminazione del palazzo, la parte sud-orientale dell'edificio è stata costruita su diversi livelli. Proseguimento per la Torre della Vergine (vista esterna). Nel dicembre del 2000 la Città Vecchia di Baku incluso il Palazzo degli Shirvan Shah e la Torre della Vergine vennero riconosciuti dall'UNESCO come Patrimonio dell'umanità. Di seguito si avvisteranno le imponenti dimore dei grandi magnati del petrolio, costruite nel boom del petrolio del 1870-1914 e il Memoriale Martyr's lane con le sue superbe vedute sulla baia di Baku che si affaccia sul Mar Caspio. Segue visita al Museo del Tappeto dell'Azerbaigian, raccoglie la più grande collezione di tappeti azeri nel mondo. Il museo è diventato un centro culturale di ricerca-formazione dove si tengono molti eventi, come mostre, simposi internazionali e conferenze. La struttura dell'edificio è concepita per assomigliare a un tappeto arrotolato. Progettato dall'architetto austriaco Franz Janz, l'edificio ha richiesto più di sei anni per essere costruito. Resto della giornata libera. Pernottamento in hotel. Nota: Il Museo del Tappeto è chiuso il lunedì.

3° giorno: Baku / penisola di Absheron / Baku (70 km)
Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza per un’escursione di mezza giornata nella penisola di Absheron a 30 km dal centro della città lungo la costa occidentale del Mar Caspio. Si visiterà l’Ateshgah, chiamato anche “tempio del fuoco” luogo di culto zoroastriano e il museo etnografico Gala. Questo territorio è noto per un fenomeno naturale unico come la combustione di gas naturale sotterraneo che uscendo in superficie entra in contatto con l'ossigeno e si infiamma. Proseguimento e visita della casa-museo Villa Petrolea. Costruita nel 1884, Villa Petrolea è stata residenza dei fratelli Nobel per quasi 40 anni. Nel 1879 fondarono la Brothers Nobel Oil Company - “Branobel”, che ben presto divenne una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo. Proseguimento e visita del Centro Culturale Heydar Aliyev, Oltre ad ospitare eventi culturali e a promuovere la lingua, la storia e la cultura azere, il Centro Heydar Aliyev è stato realizzato per simboleggiare il processo di costruzione dell’identità nazionale dell’Azerbaijan, e per celebrarne la modernizzazione e lo sviluppo economico degli ultimi anni. L’edificio, che è il più grande hub culturale del Paese, è stato progettato da Zaha Hadid in seguito ad un concorso internazionale di architettura, ed è stato ultimato nel 2012. Il centro è noto per la sua forma fluida, che la Hadid ha disegnato, in contrapposizione alla rigida architettura dell’epoca Sovietica, ispirandosi alla calligrafia islamica ed a forme dell’architettura tradizionale azera. Pernottamento a Baku. Nota: l’ Heydar Aliyev Center è chiuso il lunedì.

4° giorno: Baku / Shemakhi, visita della Moschea Djuma / villaggio di Lahij / Sheki (350 km)
Prima colazione in hotel. Partenza da Baku. Il nostro viaggio ci porta attraverso splendidi paesaggi sulla strada per Shamakhi, antica città del regno di Shirvanshah. All'arrivo a Shamakhi visita della storica Moschea di Djuma (X secolo, ricostruita nel XIX secolo). Questa moschea più antica e più grande dell'Azerbaigian, Shamakhi Djuma, secondo la leggenda fu costruita nell'VIII secolo quando Shamakhi fu scelta come residenza da un califfo arabo. Costruita più di 1.200 anni fa, la moschea rimane ancora una delle più grandi strutture di culto del Caucaso. Proseguimento e arrivo al villaggio di Lahij. Abitato da circa 860 persone, è uno dei più antichi insediamenti umani dell'Azerbaigian, costruito nel V secolo a.C. sul canyon del fiume Girdimanchay. Situato sulle pendici meridionali della catena montuosa del Grande Caucaso ad un'altezza di circa 1200 mt., durante il periodo medievale, Lahij divenne un importante centro di artigianato in Azerbaigian. Gli abitanti dei villaggi più anziani parlano la lingua Tat più vicino al farsi che all'azero e affermano che Lahij prende il nome dalla città persiano-caspica di Lahijun da cui i loro antenati sarebbero emigrati un millennio fa, portando con sé le loro famose abilità artigiane, in particolare la lavorazione del rame. I maestri artigiani di Lahij potevano creare oltre quaranta tipi di oggetti legati all'arte popolare. Molti preziosi esempi dei prodotti di queste abilità sono esposti in famosi musei e collezioni, come ad esempio il Louvre di Parigi. tempo per assistere ad un’interessante lezione sull’ arte dell'incisione del rame. Il percorso per raggiungere il villaggio potrebbe essere precluso a causa di avverse condizioni meteo non prevedibili. Proseguimento e arrivo Sheki nel nord dell’Azerbaijan. Pernottamento in hotel.

5° giorno: Sheki, visita del centro storico patrimonio Unesco / Chiesa di Kish e fabbrica di Kelaghayi / Ganja (160 km)
Prima colazione in hotel. Una delle città più antiche dell'Azerbaigian, la città risale a un'epoca in cui era un centro di mercato sulla Via della Seta, che collegava il Daghestan, in Russia, alle rotte commerciali settentrionali attraverso il Caucaso. Di particolare interesse per i turisti provenienti da tutto il mondo è il Palazzo di Sheki Khan del 1762, un raro esempio di combinazione delle tradizioni dell'architettura nazionale e persiana. Caratteristica del luogo sono le Shabaka, vetrate colorate realizzate da maestri nazionali azeri, senza colla o chiodi. Le Shabaka riempiono i muri e le aperture delle finestre delle sale e delle stanze del Palazzo. Il vetro utilizzato, si dice, provenga da Venezia. Nel 2019 il centro storico di Sheki con il Palazzo di Khan è stato iscritto come patrimonio mondiale dell'UNESCO. C'erano molti caravanserragli a Sheki, famosa per il suo commercio. Due di loro sono ancora qui oggi; il Caravanserraglio Superiore e il Caravanserraglio Inferiore, entrambi costruiti nel XVIII secolo. Visita del bazar locale. Proseguimento del vicino villaggio di Kish e visita della sua piccola chiesa ortodosso-georgiana del XII sec. Segue visita ad un laboratorio di Kelaghayi, foulard di seta e copricapo tradizionale delle donne azere. La sua produzione e l'uso sono stati inclusi nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco dal 2014. La filatura della seta e l'allevamento dei bachi da seta in Azerbaigian risale ai periodi precedenti al cristianesimo. Sheki è da molti anni il centro dell'allevamento dei bachi da seta in Azerbaigian e anche nel Caucaso. Proseguimento per Ganja, verso l'interno dell'Azerbaigian, a metà strada fra Tbilisi e Baku. Arrivo e sistemazione in hotel. Pernottamento.

6° giorno: Ganja, visita della città / moschea e mausoleo di Imamzadeh / Baku (360 km)
Prima colazione in hotel. Ganja è la seconda città più grande dell'Azerbaigian con più di un milione di abitanti. È il luogo di nascita del grande poeta azero Nizami Ganjavi che ha dato il contributo inestimabile alla storia non solo della letteratura azera ma anche della letteratura mondiale. Visita della moschea Shah Abbas del XVII secolo, il mausoleo di Javad Khan del XIX secolo, la chiesa ortodossa di Ganja, il mausoleo Nizami e la "Bottle House", un'insolita residenza privata divenuta icona locale, costruita e decorata con 50.000 bottiglie di vetro. Proseguimento e visita della Moschea Imamzadeh. Al termine delle visite ritorno a Baku. Arrivo e sistemazione in hotel. Pernottamento.

7° giorno: Baku / riserva storica di Qobustan patrimonio Unesco / Baku (130 km)
Prima colazione in hotel. Al mattino partenza da Baku per la Riserva Storica di Qobustan. La riserva è nota per i tesori archeologici che si trovano nella regione in particolare gli esempi di arte rupestre, oltre 600.000 rappresentazioni di uomini primitivi, animali, battaglie, danze rituali, imbarcazioni, carovane di cammelli, soggetti astronomici, per la maggior parte databili fra 5.000 e 20.000 anni fa, una testimonianza delle condizioni di vita preistorica nel Caucaso. Fra il 1961 e il 2002, anno della sua morte, l'antropologo norvegese Thor Heyerdahl si recò più volte in questa regione, alla ricerca delle origini del popolo vichingo. Era convinto che lo stile artistico delle rappresentazioni rupestri somigliasse molto alle incisioni trovate nella sua nativa Norvegia. I progetti delle navi, in particolare, erano considerati da Heyerdahl come simili e disegnati con una semplice linea a forma di falce, che rappresentava la base della barca, con linee verticali sul ponte, che illustravano l'equipaggio o, forse, i remi sollevati. Prima dell'inizio del tour intorno a Qobustan visiteremo l'omonimo museo interattivo, dove con l'aiuto di programmi speciali e touch screen multimediali avremo informazioni sulla natura e la flora locale. Nel 2007, il sito di Qobustan è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Proseguimento e visita ai “vulcani di fango”, fenomeno geologico, dove profondi sedimenti argillosi sono spinti in superficie da sottostanti bolle di gas metano. Si stima che circa 300 dei 700 vulcani di fango del pianeta si trovino in Azerbaigian e nel Mar Caspio. Molti di essi si trovano all'interno dei confini della riserva statale e sono diventati un'attrazione turistica, grazie anche al fatto che il fango eruttato si crede abbia benefiche proprietà mediche. Nel 2001 uno di questi vulcani iniziò un'attività eruttiva con fiamme alte fino a 15 metri. Il sito dei vulcani di fango è raggiungibile solo con buone condizioni meteo che rendano le strade asciutte ed agibili. Al termine delle visite rientro a Baku. Serata libera per esplorare la capitale.

8° giorno: Baku / Italia
Prima colazione in hotel. Rilascio delle camere. Trasferimento in aeroporto. (Voli a cura del cliente. Non inclusi nella quota). Fine dei servizi.


Gli hotel del tour o similari: 

Baku Central Park Hotel 3 notti
Sheki Sheki Saray Hotel 1 notte
Ganja Ganja Vego HotelBaku 1 notte
Baku Central Park Hotel  2 notti

 

Info trasferimenti aeroportuali: I trasferimenti sono inclusi solo per la data di arrivo e di fine tour per qualsiasi orario del vostro volo. Per giorni differenti il servizio non è disponibile né può essere rimborsato, pertanto i trasferimenti saranno liberi e a vostre spese.

Info notti extra: non ci occupiamo di prenotare notti extra pre e post tour. Se prevedete un soggiorno superiore ad una notte nella città di inizio e fine tour, vi consigliamo di prenotare autonomamente. Vi ricordiamo altresì che i nomi definitivi degli hotel del tour verranno fissati e comunicati nei documenti di viaggio entro 7 giorni dalla partenza.

dal 1 Settembre 2021 al 31 Dicembre 2022
Hotel 4 stelle
da € 1209 (2 partecipanti) a € 399 (40 partecipanti)

Info prezzi: Tutti i prezzi sono soggetti a riconferma disponibilità hotel.

Info guida: Guida in italiano per tutte le partenze.

Info camere triple: Per nostra correttezza ci teniamo ad informarti che in Azerbaijan non esistono triple vere e proprie. Si tratta di una camera doppia standard con l´aggiunta di un letto rimovibile. Le dimensioni della camera possono pertanto risultare ridotte (il modello utilizzato e le dimensioni possono essere differenti rispetto ad un letto tradizionale e cambiare da hotel ad hotel). Si consiglia pertanto la sistemazione in una camera doppia + una camera singola. Non verranno accettati reclami o lamentele in loco.

Info notti extra: non ci occupiamo di prenotare notti extra pre e post tour. Se prevedete un soggiorno superiore ad una notte nella città di inizio e fine tour, vi consigliamo di prenotare autonomamente. Vi ricordiamo altresì che i nomi definitivi degli hotel del tour verranno fissati e comunicati nei documenti di viaggio entro 7 giorni dalla partenza.

La quota include:
- Sistemazione nell' hotel indicato o similare in camera doppia con trattamento di 1° colazione
- Trasferimenti aeroporto  - hotel - aeroporto
- Servizi di trasporto e guida parlante italiano
- Gli ingressi ai monumenti / siti come da programma
- una bottiglietta d'acqua a persona al giorno (0,5 L)
- Assicurazione gratuita (assistenza / spese mediche / bagaglio) con massimale di € 50.000.

La quota non include:
- I voli internazionali da e per l’Italia a cura del cliente
- Le bevande e i pasti non menzionati
- Mance ed extra
- Tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota include”
- Assicurazione annullamento viaggio facoltativa.

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi.
Visto: necessario. Si informa che dal gennaio 2017 esiste una procedura di visto elettronico (visto elettronico ) destinato all'ottenimento di un visto per una sola entrata nel Paese della durata massima di 30 giorni . Tutte le informazioni circa la richiesta di e-visa si trovano al seguente link: https://evisa.gov.az/it/ 
Da notare che, se sul passaporto risulta un precedente viaggio nell'entità separatista non riconosciuta del “Nagorno Karabakh”, l'ingresso nel Paese verrà negato, anche se in possesso di un visto d'ingresso in Azerbaijan.
L'ingresso nel Paese è in generale negato ai cittadini armeni, nonché ai cittadini stranieri di origine armena. Al riguardo, si segnalano casi di respingimenti alla frontiera di persone, anche di nazionalità diversa ed in possesso di visto, con cognomi di origine armena.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito del Ministero degli Esteri:  www.viaggiaresicuri.it

Inserire in Proprio Nome
Inserire l'indirizzo mail
Inserire la Recensione
La tua recensione è stata presa in carico e verrà pubblicata quanto prima!
Sorry, error occured this time sending your message